Stop carcere: Il governo si arricchisce alle spalle delle vittime di reato


http://nelnidodelfalco.altervista.org/

Il Potere legislativo con la più diffusa sinistra “democrazia” ha depenalizzato 112 tra i reati più diffusi sul Territorio nazionale e che coinvolgono il 100% dei cittadini, onesti!

Stop carcere: Il governo si arricchisce alle spalle delle vittime di reato

Gli intellettuali maghi del governo Renzi, una ne pensano e cento ne fanno amici lettori, ma sempre e solo a discapito dei cittadini onesti e delle Forze dell’Ordine.

La geniale trovata per colmare il più possibile le tasche dei nostri governatori in un momento di crisi, il legislatore ministro della Giustizia Andrea Orlando, unitamente al ministro dell’Economia e delle finanze Pietro Carlo Padoan; l’hanno trovata! Infatti, la proposta di Legge del 28 aprile 2014, n. 67 – Delega al Governo in materia di pene detentive non carcerarie, approvata dal Consiglio dei Ministri ed in vigore dal 17.05.214, all’art.1 – comma 1 recita:

lettera a) : che  le  pene  principali  siano  l’ergastolo,  la reclusione, la reclusione domiciliare  e  l’arresto  domiciliare,  la multa  e  l’ammenda.

Lettera b) : per i reati per i quali è prevista  la  pena  dell’arresto  o della reclusione non superiore nel massimo a tre anni, prevedere che la pena sia quella della reclusione  domiciliare  o dell’arresto domiciliare;

lettera c) : per i delitti per i quali è prevista la pena della reclusione tra i tre e i cinque anni, prevedere  che  il  giudice,  tenuto conto dei criteri indicati dall’articolo 133 del codice penale, possa applicare la reclusione domiciliare.

Noi che non siamo geni come i nostri legislatori “governanti”, per riuscire a capire il gioco sporco degli amministratori renziani, dobbiamo partire dall’inizio, facendo le dovute distinzioni dei reati e cosa in realtà prevede il Codice Rocco.

In materia penale, ci sono innanzi tutto due distinzioni da fare riguardo le categorie di reato, per cui diciamo che i reati di dividono in:

  1. Delitti : reati gravi per i quali l’ordinamento penale prevede le seguenti pene:
  2. l’ergastolo;
  3. la reclusione;
  4. la multa;

 

  1. Contravvenzioni : reati meno gravi per i quali l’ordinamento penale prevede le pene seguenti:
  2. l’arresto;
  3. l’ammenda.

Fatta questa distinzione dei reati, entriamo nei dettagli e vediamo che:

  • l’art. 17 del codice penale, al primo comma annovera la multa tra le pene per i delitti, l’art. 24 la concreta nel pagamento allo Stato di una somma non inferiore a euro 50, né superiore a euro 50.000. Tenendo presente che, per taluni delitti è prevista la sola pena della multa, per altri più gravi invece, si applica alternativamente o congiuntamente alla pena della reclusione.

 

  • L’art. 19, secondo comma, del Codice penale italiano annovera l’ammenda tra le pene per le contravvenzioni, mentre l’art. 26 la concreta nel pagamento allo Stato di una somma non inferiore ad euro 20, né superiore ad euro 10.000. Tenendo presente che per talune contravvenzioni è prevista la sola pena dell’ammenda, per altre più gravi, si applica alternativamente o congiuntamente alla pena dell’arresto.

Stante a quanto si legge sulla “Legge Delega” riguardo i cosiddetti reati “minori” che in seguito vedremo, e quanto previsto dagli artt. 24 e 26 del CP;  la maggior parte dei reati facenti parte dei delitti e delle contravvenzioni, depenalizzati, saranno rispettivamente puniti espressamente con l’alternativa della multa, e dell’ammenda (ovviamente maggiorata se non congiunta alla carcerazione). Ovvero, reati puniti con delle somme versate nelle casse dello Stato o più precisamente, nelle tasche dei “governatori”.

Ora che abbiamo capito come intendono uscire dalla “loro crisi”, mettendo in seria crisi la sicurezza di milioni di cittadini italiani, e indignando sconfortando e denigrando gli sforzi delle Forze dell’Ordine, vediamo cosa ha approvato il Consiglio dei Ministri nel proposto decreto delegato, elaborato dalla commissione ministeriale nominata con D.M. 27 maggio 2014 e presieduta dal prof. Francesco Palazzo, per la revisione del sistema sanzionatorio e l’attuazione della legge delega 67/2014 in materia di pene detentive non carcerarie e depenalizzazioni.

E’ una vera vergogna di Stato, non possono essere depenalizzati reati quali, omicidio colposo, furto, percosse, maltrattamento di animali, truffa, atti osceni, omissione di soccorso, stalking, corruzione, evasione, incesto… Che delusione!

E a questo punto ci chiediamo: a cosa sono servite le campagne contro il maltrattamento sulle donne? A cosa quelle sugli animali? A cosa quelle sull’implemento del reato di omicidio stradale? E concludo con un reato che sicuramente sta a cuore in questo specifico momento alla stragrande maggioranza politica, la corruzione.

A parte quanto già sopra redatto, nella legge delega risultano esserci altri scandalosi provvedimenti in materia penale, infatti il Capo III della legge delega 67/2014 – recita: “sospensione del procedimento nei confronti degli irreperibili”, ciò vale a dire, by.. by.. ai processi nei confronti degli stranieri, indagati in stato di libertà e senza fissa dimora.

Per maggiori delucidazioni amici lettori, ecco l’elenco dei 112 reati depenalizzati assurdamente dalle geniali malate menti governative.

ELENCO COMPLETO DEI 112 REATI DEPENALIZZATI

1. Abbandono di persone minori o incapaci – art.591 c.p. co.1
2. Abusivo esercizio di una professione – art 348
3. Abuso dei mezzi di correzione o di disciplina – art.571 c.p.
4. Abuso d’ufficio – art.323 c.p.
5. Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico – art.615 ter
6. Arbitraria invasione e occupazione di aziende agricole o industriali. Sabotaggio – art.508 c.p.
a. Adulterazione o contraffazione di cose in danno della pubblica salute – art.441 c.p.
7. Appropriazione indebita – art.646 c.p.
8. Arresto illegale – art.606 c.p.
9. Assistenza agli associati (anche mafiosi) – art.418 co.1 c.p.
10. Attentato a impianti di pubblica utilità – art.420 c.p.
11. Attentati alla sicurezza dei trasporti – art.432 c.p.
12. Atti osceni – art.527 c.p.
13. Atti persecutori (stalking) – art.612 bis co.1
14. Commercio o somministrazione di medicinali guasti – art.443 c.p.
15. Commercio di sostanze alimentari nocive – art.444 c.p.
16. Contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari – art.517 quater
17. Corruzione di minorenne – art.609 quinquies co.1 c.p.
18. Crollo di costruzioni o altri disastri dolosi – art.434 co.1 c.p.
19. Corruzione – art-318 c.p.
20. Danneggiamento – art.635 c.p.
21. Danneggiamento a seguito d’incendio – art.423 c.p.
22. Danneggiamento seguito da inondazione,frana valanga – art.427 co.1 c.p.
23. Danneggiamento di informazioni e programmi informatici – art.635 bis c.p.
24. Danneggiamento di sistemi informatici o telematici – art.635 quater c.p.
25. Detenzione di materiale pornografico – art.600 quater c.p.
26. Deviazione di acque e modifiche dello stato dei luoghi – art.632 c.p.
27. Diffamazione – art. 595 c.p.
28. Divieto di combattimento tra animali – art.544 quinquies
29. Esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza – artt.392-393 c.p.
30. Evasione – art 385 c.p.
31. Fabbricazione o detenzione di materie esplodenti – art.435 c.p.
32. False informazioni al P.M. – art.371 bis
33. Falsità materiale del P.U. – art.477 c.p.
34. Favoreggiamento personale – art-378 c.p.
35. Favoreggiamento reale art.379 c.p.
36. Frode informatica – art.640ter co.1-2 c.p.
37. Frode in emigrazione art.645 c.p.co.1
38. Frode nelle pubbliche forniture – art.356
39. Frode processuale – art.374 c.p.
40. Frodi contro le industrie nazionali – art.514 c.p.
41. Frode nell’esercizio del commercio – art.515 c.p.
42. Furto – art.624 c.p.
43. Gioco d’azzardo – art.718-719 c.p.
44. Impiego dei minori nell’accattonaggio – art.600 octies c.p.
45. Incesto – art.564 1 co. C.p.
46. Inadempimento di contratti di pubbliche forniture art.355 c.p.
47. Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato – art 316 ter
48. Ingiuria – art.594 c.p.
49. Ingresso abusivo nel fondo altrui – art.637 c.p.
50. Insolvenza fraudolenta – art.641 c.p.
51. Interferenze illecite nella vita privata – art. 615 bis
52. Interruzione di pubblico servizio – art.331 c.p.
53. Intralcio alla giustizia – art.377 c.p.
54. Introduzione nello Stato e commercio di prodotti falsi – art.474 c.p.
55. Introduzione o abbandono di animali nel fondo altrui – art.636 c.p.
56. Invasione di terreni o edifici – art.633 c.p.
57. Istigazione a delinquere – art.414 c.p.
58. Istigazione a disobbedire alle leggi – art.415 c.p.
59. Lesione personale – art.582 c.p.
60. Lesioni personali colpose art.590 c.p.
61. Maltrattamento di animali – art.544 ter
62. Malversazione a danno dei privati – art.315 c.p.
63. Malversazione a danno dello Stato – art.316 bis
64. Mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice – art.388 c.p.
65. Manovre speculative su merci – art.501 bis c.p.
66. Millantato credito – art.346 c.p.
67. Minaccia – art. 612 c.p.
68. Occultamento di cadavere – art.412 c.p.
69. Oltraggio a P.U. – art.341 bis
70. Oltraggio a un magistrato in udienza art.343 c.p.
71. Omessa denuncia di reato da parte del P.U. – art.361
72. Omicidio colposo – art.589 c.p. co.1
73. Omissione di referto – art.365 c.p.
74. Omissione di soccorso – art. 593 c.p.
75. Patrocinio o consulenza infedele – art.380 c.p.
76. Peculato mediante profitto dell’errore altrui – art.316 c.p.
77. Percosse – art. 581 c.p.
78. Possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi – art.497 bis co.1.
79. Procurata evasione – art.386 co.1
80. Procurata inosservanza di pena – art.390 c.p.
81. Resistenza a P.U. – art. 337 c.p.
82. Rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio – art.501 c.p.
83. Rimozione od omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro – art.437 c.p.
84. Rivelazione ed utilizzazione di segreti d’ufficio – art.326 c.p.
85. Rivelazione di segreti inerenti ad un procedimento penale – art.379 bis
86. Rifiuto di atti d’ufficio. Omissione – art.328 c.p.
87. Rissa – art.588 c.p.
88. Simulazione di reato – art.367 c.p.
89. Sostituzione di persona – art.494 c.p.
90. Sottrazione o danneggiamento di cose sottoposte a sequestro – art.334 c.p.
91. Sottrazione di persone incapaci – art.574 c.p.
92. Sottrazione e trattenimento di minori all’estero – art.574 bis
93. Stato d’incapacità procurato mediante violenza – art. 613 c.p.
94. Traffico d’influenze illecite – art.346 bis
95. Truffa – art.640 c.p.
96. Turbata libertà degli incanti – art.353
97. Turbativa violenta del possesso di cose immobili – art.634 c.p.
98. Usurpazione di funzioni pubbliche – art.347
99. Uccisione di animali – art.544 bis
100. Uccisione o danneggiamento di animali altrui – art.638 c.p.
101. Vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine – art.516 c.p.
102. Vilipendio delle tombe – art.408
103. Vilipendio di cadavere – art.410 co.1
104. Violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza – art 616 c.p.
105. Violazione di domicilio art.614 c.p.
106. Violazione di domicilio commessa dal P.U. – art. 615 c.p.
107. Violazione di sepolcro – art.407 c.p.
108. Violazione di sigilli art.349
109. Violazione degli obblighi di assistenza familiare – art.570 c.p.
110. Violenza o minaccia a P.U. art.336 c.p.
111. Violenza privata – art.610 c.p.
112. Violenza o minaccia per costringere taluno a commettere un reato – art.611 c.p.

 

Roberto Turi@robylfalco

 

http://nelnidodelfalco.altervista.org/


 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

About Roby

The Nest - Divulga notizie reali di cronaca, politica, economia, società, curiosità ecc. La veridicità delle notizie, prima della redazione viene verificata attraverso vari siti di informazione. Qualsiasi violazione il lettore dovesse riscontrare, è pregato di avvisare il relatore tramite mail, che immediatamente provvederà a porre i necessari rimedi. Non è una testata giornalistica. Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. - Copyright © 2013 The Nest - By Roby - All Rights Reserved.