NO GREXIT: il valore del referendum del NO – 0%



Se qualcuno presumeva l’uscita dalla moneta unica della Grecia con le sue gambe, si è sbagliato, non potrà uscire.! Il popolo greco vale meno di zero così come il referendum.

NO GREXIT: il valore del referendum del NO - 0%

Tutte menzogne di una finta democrazia europea cari amici,  la verità è che ormai l’indebitamento di tutti i Paesi europei ha raggiunto quote così vertiginose che è impossibile uscirne indenni, poiché ipotecati dai Poteri Finanziario-Bancari. Una truffa, che ha dato i sui frutti all’unico Paese inventore dell’Euro, la Germania.

I media, tenuti a guinzaglio e con la museruola, in TV non ne parlano, ma il web non perdona; non solo i greci, ma anche Austria e Finlandia stanno percorrendo la via Euro-Exit.

Infatti, il referendum in Austria, sembra essere vicino: “Non vogliamo che i contribuenti pubblici continuino a pagare per salvare l’euro e rimediare ai danni delle speculazioni delle banche“.

Oltre 250mila firme dei cittadini austriaci – 261.259 per l’esattezza – hanno sostenuto una proposta di legge per l’uscita dell’Austria dall’Euro. Una iniziativa popolare nata col passa parola, ma che è riuscita a superare la soglia richiesta di 100mila firme e raggiungere abbondantemente l’obbiettivo, oltrepassandolo. Ora, la parola passa al Parlamento, che sarà obbligato a discutere e deliberare sulla proposta di portare il Paese fuori dalla moneta unica.

Anche la Finlandia minaccia l’uscita dall’euro, piuttosto che sobbarcarsi i debiti degli altri paesi, la Finlandia sarebbe pronta ad abbandonare l’euro. La ministra delle Finanze Jutta Urpilainen, ha detto: «la Finlandia non resterà legata all’euro a qualsiasi costo e ci prepariamo a tutti gli scenari possibili».

Io non sono un economo ne un genio come i nostri politici e firmatari all’ingresso della moneta unica, per cui, vado per le spicciole amici lettori. Quando qualcuno acquista una casa e chiede un mutuo in Banca, quest’ultima chiede garanzie che devono essere ritenute idonee al rilascio, ma non è sufficiente, vengono attivati i controlli e il bene acquistato viene ipotecato e rimane tale fino alla scadenza dell’ultima rata, pena, la requisizione del bene da parte della Banca che ha elargito il prestito.

La medesima situazione si è venuta a creare con i Poteri-Finanziari europei, a differenza che, molti Paesi dell’Euro-zona compresa la Grecia, già all’epoca del suo ingresso non aveva le garanzie idonee, già allora era in crisi finanziaria, tutti ne erano consapevoli ma nessuno ha fatto o detto nulla. Hanno accettato coscientemente i loro conti truccati, per meri interessi dell’Alta Finanza.

Si, probabilmente si potrà  uscire dalla moneta unica cari amici, ma per fallimento e solo dopo che l’Euro-Merkel come una sanguisuga ha succhiato tutto il sangue e abbia acquisito alle sue dipendenze quello Stato, per debiti.

Mettiamoci il cuore in pace, o si rivoluziona l’Euro-zona, o non c’è scampo, siamo tutti ipotecati.!

Roberto Turi su Facebook |  @robylfalco su twitter |

 

* News dal web | The Nest | 08 luglio 2015 | * l’immagine di copertina a mero titolo esplicativo è tratta dal web e non risulta soggetta a copyright © | * Se immagini o nomi inseriti nell’articolo violano la privacy, contattare il titolare del Blog | Qui |

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

About Roby

The Nest - Divulga notizie reali di cronaca, politica, economia, società, curiosità ecc. La veridicità delle notizie, prima della redazione viene verificata attraverso vari siti di informazione. Qualsiasi violazione il lettore dovesse riscontrare, è pregato di avvisare il relatore tramite mail, che immediatamente provvederà a porre i necessari rimedi. Non è una testata giornalistica. Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. - Copyright © 2013 The Nest - By Roby - All Rights Reserved.