Isis in Libia: Non solo minacce. Governo: “Affiliamo i temperini”



Noi lo dicevamo già da tempo e anche il terrorismo islamista non e stato vile, ci aveva avvisato…

Isis in Libia: Non solo minacce. Governo: "Affiliamo i temperini"

l’Isis non si fermerà sino a quando non avrà ottenuto il controllo dell’Europa e del mondo. Questo blog, ne ha parlato fino all’esasperazione, è da tempo che cerca di diramare l’allerta contro il terrorismo dei fratelli islamisti dell’Isis e Boko Haram. Tutti gli Stati europei, le Nu e l’Onu, di quanto sta accadendo, sono responsabilmente colpevoli.

I terroristi fondamentalisti sono arrivati a controllare Sirte, in Libia, e si appresta a prendere il controllo di Tripoli. Quei miliziani hanno già rivendicato l’attacco kamikaze all’hotel Corinthia del 27 gennaio in cui sono morti più di 5 stranieri, e hanno annunciato l’uccisione di 21 copti egiziani che erano stati rapiti all’inizio di gennaio e proprio a Sirte.

Solo ora, il nostro governo di desta, ma non troppo: Se la mediazione dell’Onu in corso dovesse fallire, siamo pronti a pattugliare le nostre coste e combattere, in un quadro di legalità internazionale”, queste le parole del ministro degli esteri Paolo Gentiloni, mentre invita gli italiani in Libia a fare rientro in Italia e chiude l’Ambasciata. Quale mediazione? I terroristi del califfato non hanno mai mediato e se lo hanno fatto, è stato per un mero tornaconto e nei confronti di compiacenti “vittime” di sequestro, come nel caso delle due “cooperanti” Greta e Vanessa.

Con chi presumono di avere a che fare? Con una banda di ragazzini, o con un esercito armato fino ai denti, organizzato, addestrato dalla nascita e senza scrupoli, nonché appoggiato dai ricchi Paesi arabi che finanziano le loro azioni terroristiche? Senza tralasciare quanto di più importante, il controllo dei paesi europei che detengono le loro ricchezze nelle più grandi Banche.

L’Europa e l’Italia è in ritardo sui tempi di reazione. Il nostro Paese, ha contribuito per il 90% ad aprire le porte agli islamisti e in modo consapevolmente incondizionato, coscienti che tra i pochi profughi, potevano esserci infiltrazioni di terroristi e criminali evasi da quelle carceri ormai prive di controllo.

  • Isis - califfo_Abu-Bakr-al-Baghdadi
  • Isis - Prende Sirte e minaccia L'Italia (1)
  • Isis - Prende Sirte e minaccia L'Italia (2)
  • Isis - Prende Sirte e minaccia L'Italia (3)
  • Isis - Prende Sirte e minaccia L'Italia (4)
  • Isis - Prende Sirte e minaccia L'Italia (5)
  • full screen slider
  • Isis - Prende Sirte e minaccia L'Italia (7)
Isis - califfo_Abu-Bakr-al-Baghdadi1 Isis - Prende Sirte e minaccia L'Italia (1)2 Isis - Prende Sirte e minaccia L'Italia (2)3 Isis - Prende Sirte e minaccia L'Italia (3)4 Isis - Prende Sirte e minaccia L'Italia (4)5 Isis - Prende Sirte e minaccia L'Italia (5)6 full screen slider7 Isis - Prende Sirte e minaccia L'Italia (7)8
image carousel by WOWSlider.com v7.3

Sono già sul nostro Territorio, al momento bivaccano sulle nostre spalle, dopo, in nome della loro teocrazia e al grido di “Allah akbar”, saranno pronti ad imbracciare le armi affiancando i loro “fratelli”. Il nostro governo, è colpevole di aver utilizzato “Mare Nostrum” come “Il Cavallo di Troia”.

L’Isis ha già preso il controllo di Sirte e di tutte le emittenti radio-televisive, il califfo Abu Bakr al Baghdadi, ha trasmesso altre minacce per Tripoli e l’Italia, ma lo aveva già fatto, aveva già espresso la volontà di avvicinarsi a quelle coste libiche e attraverso, attaccare la Sicilia anche con incursioni missilistiche, fino a raggiungere Roma. Sino ad oggi, le loro promesse le hanno mantenute. Tutte.

I terroristi del proclamato Stato islamico (Is), assumendo il controllo di Sirte, hanno accorciato le distanze, sono a poco più di 200 miglia marine (c.a 400 km) dalle nostre coste/Isole meridionali e solo ora, la Farnesina, esce dal lungo letargo e ci avvisa, la situazione della sicurezza nel nostro Paese si sta aggravando, causa l’avanzata dei miliziani terroristi jihadisti.

Che dire? Persona avvisata…!

Roberto Turi@robylfalco

 


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

About Roby

The Nest - Divulga notizie reali di cronaca, politica, economia, società, curiosità ecc. La veridicità delle notizie, prima della redazione viene verificata attraverso vari siti di informazione. Qualsiasi violazione il lettore dovesse riscontrare, è pregato di avvisare il relatore tramite mail, che immediatamente provvederà a porre i necessari rimedi. Non è una testata giornalistica. Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. - Copyright © 2013 The Nest - By Roby - All Rights Reserved.