ISIS: cosa si nasconde dietro le devastazioni archeologiche



Non tutto quello che ci viene propinato dai jihadisti tramite la diffusione di immagini e video-messaggi, risponde a verità!

ISIS: cosa si nasconde dietro le devastazioni archeologiche

Lo Stato islamico ha diffuso ieri 25 agosto sul web, delle  immagini che mostrano la distruzione avvenuta domenica, del tempio di Baal Shamin, a Palmira. Le immagini postate dai jadisti del Califfato, mostrano sistemare cariche esplosive lungo il perimetro dello storico tempio, risalente a 2.000 anni fa. Poi una colonna di fumo alzarsi dal luogo dell’esplosione e infine, un cumulo di blocchi di pietra dell’edificio, macerie . Il segretario generale delle Nazioni unite Ban Ki moon, si è indignato ha condannato i continui atti di terrore e le violazioni alla legge internazionale commesse dall’Isis in Siria, che includono la sistematica distruzione e i saccheggi dell’eredità culturale del Paese. Questo ha riferito un portavoce dell’Onu,  ricordando anche l’assassinio dell’archeologo capo della città carovaniera, Khaled al Asaad;  “Questi atti si aggiungono a una lunga lista di crimini commessi in Siria negli ultimi quattro anni”, ha detto Ban, ricordando che la distruzione deliberata del patrimonio culturale è “un crimine di guerra i cui responsabili devono essere condotti davanti alla giustizia”.

Una più ampia visione di quanto sta accadendo per mano dei terroristi del Califfato islamico, ce la concede Franco Iacch, che in un articolo pubblicato sul sito difesaonline.it, scrive che la guerra contro i reperti storici dell’antichità dichiarata dallo Stato islamico, è parte di una codificata e sistematica campagna di annientamento culturale.

Quell’appetito, che appare insaziabile, nel distruggere siti e manufatti inestimabili, è molto ben più strutturato ed organizzato di quanto si possa credere perché la vendita illecita delle antichità garantisce un flusso economico costante, nonostante gli sforzi internazionali per arrestare il traffico dei tesori al mercato nero. Motivo per cui se da un lato assistiamo, impotenti, alla distruzione del Tempio di Baalshamin, situato all’interno delle maestose rovine del deserto di Palmyra, dall’altro siamo assolutamente certi che la struttura è stata saccheggiata di qualsiasi cosa custodita al suo interno prima di essere rasa al suolo.

La scorsa settimana, i militanti hanno utilizzato un bulldozer per fare a pezzi il Monastero di S. Elia, in Siria centrale, che custodiva le spoglie del santo e che, in passato, è stato un importante luogo di pellegrinaggio cristiano. La distruzione delle antichità è uno schema ormai ricorrente.

Il saccheggio avvenuto lo scorso febbraio al museo di Mosul, la seconda città più grande dell’Iraq, è stato motivato dai fondamentalisti come una missione contro il glorificato politeismo.

Quello che i terroristi non dicono, è che il commercio illegale delle opere legate all’antichità, è fonte preziosa per garantire l’asset dello Stato islamico. Ecco perché, allora, sarebbe opportuno non credere a tutto quello che proprio i fondamentalisti propinano sulla rete, con messaggi che celano la verità.

Lo Stato islamico che pubblicamente si mostra come un gruppo pronto a radere al suolo ogni struttura museale del passato, ha invece mostrato estrema cura nel catalogare tutti i reperti contenuti nei siti archeologici conquistati ed un’attenzione maniacale nei dettagli. Il perché è facilmente intuibile: lo Stato islamico è perfettamente cosciente del valore monetario di queste opere ed i dollari del mercato nero, esulano da ogni appartenenza religiosa o credo.

Sappiamo, per esempio, che lo Stato islamico ha istituito “l’Ufficio per le questioni minerarie”, che annovera i responsabili dell’analisi delle rovine e dei manufatti custoditi dentro i musei. Pubblicamente, quindi, assistiamo alla devastazione delle opere ritenute offensive per l’Islam (secondo la visione dell’Isis), definito come non solo lecita, ma anche spiritualmente giusta. Un’abile propaganda senza dubbio che mira alla distruzione pubblica del patrimonio universale. Ma lo Stato islamico, distrugge tutto quello che non può vendere. Un tempio non si può acquistare. Una chiesa non si può mettere all’asta. Una statua alta come un palazzo non può essere trasportata. Motivo per cui tutto quello che non si può vendere si distrugge, trasmettendo un senso di impunità di fronte alla indignazione internazionale.

Una distruzione, quindi, che riguarda soltanto gli oggetti tracciabili. Basti pensare che soltanto dalla vendita dei reperti custoditi nei pressi di un monastero a nord della Siria, i terroristi hanno guadagnato 36 milioni di dollari.

Roberto Turi su Facebook | @robylfalco su twitter |

 

* News dal web | The Nest | 26 Agosto 2015 | * l’immagine di copertina a mero titolo esplicativo è tratta dal web e non risulta soggetta a copyright © | * Se immagini o nomi inseriti nell’articolo violano la privacy, contattare il titolare del Blog | Qui |

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

About Roby

The Nest - Divulga notizie reali di cronaca, politica, economia, società, curiosità ecc. La veridicità delle notizie, prima della redazione viene verificata attraverso vari siti di informazione. Qualsiasi violazione il lettore dovesse riscontrare, è pregato di avvisare il relatore tramite mail, che immediatamente provvederà a porre i necessari rimedi. Non è una testata giornalistica. Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. - Copyright © 2013 The Nest - By Roby - All Rights Reserved.