Ddl Stabilità: Bonus Bebè e sussidio? Un doppio aiuto per gli stranieri


http://nelnidodelfalco.altervista.org/

Con l’approvazione alla Camera, dei sussidi di Renzi e dei renziani, chi resta a bocca asciutta sono proprio gli italiani..

Ddl Stabilità: Bonus Bebè e sussidio? Un doppio aiuto per gli stranieri

Ecco la grande manovra di Renzi e quanto (con la sua sfera magica) prevede di stanziare per Bonus Bebè e sussidi, nei prossimi anni. Per il 2015, il governo erogherà circa 200milioni di euro, per il 2016 prevede l’aumento a 600milioni e per il 2017 viene previsto addirittura 1miliardo.

I primi annunci di Renzi però, si sono rivelati non veritieri, le famiglie italiane che avranno diritto al Bonus e sussidio si sono ridotte al minimo. Vediamo cosa accadrà!

Il testo del Ddl di Stabilità approvato alla Camera e ora all’esame del Senato, abbassa il limite di reddito delle famiglie con diritto di accesso all’agevolazione, ma nonostante ciò, a riguardo, durante l’Assemblea (Seduta n. 341 di sabato 29 novembre 2014)  Marco Di lello recita: “Conserviamo infine – e mi avvio a concludere – rendendolo strutturale, il Bunus di 80 euro per quasi dieci milioni di italiani, incentivando così i consumi e sostenendo le famiglie meno abbienti.

Vediamo in dettaglio cosa prevede questa “grande” manovra inserita nella legge di stabilità per il 2015; valutando sin dall’inizio che, bisogna distinguere il Bonus bebè dal sussidio familiare:

Il bonus bebè di 80 euro al mese, verrà riconosciuto alle famiglie con un reddito inferiore a 25mila euro annui e che avranno un figlio a partire dal 1° gennaio 2015. Tutti gli aventi diritto dovranno presentare istanza all’Inps, previa presentazione del modello Isee, ovvero il parametro che misura il benessere di una famiglia, del patrimonio e dei risparmi di cui dispone. Il Bonus, sarà di 960 euro annui e ripartito in 12 rate mensili di 80 euro ciascuna per i primi 3 anni di vita del figlio. Se il reddito familiare, dalle risultanze Isee, dovesse essere inferiore a 7mila euro annui, il Bonus raddoppia da 80euro a 160euro al mese. Dette somme, non vengono valutate come reddito imponibile familiare e per cui, non caricate sulla dichiarazione dei redditi. Infine, avranno diritto all’agevolazione oltre ai cittadini italiani che avranno un figlio dal 2015 al 2017, anche i cittadini comunitari residenti, cittadini extracomunitari con regolare permesso di soggiorno e famiglie che adotteranno un bambino.

Il sussidio di 80 euro al mese, verrà riconosciuto alle famiglie che abbiano almeno 4 figli minorenni e con un reddito Isee inferiore a 8.500 euro all’anno. La somma annua per gli aventi diritto ammonta a 1.000 euro l’anno e verrà ripartito in rate mensili di 80 euro cadauna. Non sarà una liquidità monetaria, ma un buono-acquisto per beni e servizi. Come per l’agevolazione precedente, ne potranno godere i cittadini italiani, i cittadini comunitari residenti e i  cittadini extracomunitari con regolare permesso di soggiorno.

Preso atto di quanto sopra, ora amici lettori vediamo cosa riporta l’Istat relativamente alle nascite nel nostro amato Paese. Nel 2013 risulta che le nascite siano state di 514.308 bambini, circa 20mila in meno rispetto all’anno precedente e addirittura oltre 62mila nascite in meno dal 2008 ad oggi.

La diminuzione, riguarda soprattutto le nascite da entrambi i genitori italiani, con 70mila nascite in meno nell’ultimo quinquennio. Diminuiscono anche i nati da entrambi i genitori stranieri, ma di sole 2.189 anime.

Quindi, oltre ai reali aventi diritto, godranno di tali benefici tutti coloro che lavorano irregolarmente sul territorio, in maggioranza stranieri, e che sono anche dediti a creare prole a gogò. Non possiamo neanche escludere, che questi falsi benefici per le famiglie italiane, contribuiranno a falsare il più possibile le dichiarazioni del reddito da parte di molti, nonché, incentivare il lavoro nero.

Concludo con una personale deduzione. la distribuzione di entrambe le indennità sono discriminatorie nei confronti  delle famiglie italiane. Bonus bebè e Buoni-acquisto andranno nella maggioranza dei casi ad arricchire le famiglie di stranieri in Italia. La maggioranza dei lavoratori regolari, oppressi dalle ritenute fiscali in busta paga e con un reddito Isee di poco superiore a 25000 euro, non ne beneficeranno. E aggiungo, quante famiglie italiane oggi hanno 4 figli minori o prevedono di partorirli nei prossimi 3 anni? Grande Renzi… Anche questa volta la magia è riuscita!

 

Roberto Turi@robylfalco

http://nelnidodelfalco.altervista.org/


 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

About Roby

The Nest - Divulga notizie reali di cronaca, politica, economia, società, curiosità ecc. La veridicità delle notizie, prima della redazione viene verificata attraverso vari siti di informazione. Qualsiasi violazione il lettore dovesse riscontrare, è pregato di avvisare il relatore tramite mail, che immediatamente provvederà a porre i necessari rimedi. Non è una testata giornalistica. Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. - Copyright © 2013 The Nest - By Roby - All Rights Reserved.