Boldrini: bisogna investire sul talento dei migranti



Continua imperterrita la Presidente della Camera, insiste, si sgola e attacca tutto e tutti in favore dell’immigrazione incontrollata di massa.

Boldrini: bisogna investire sul talento dei migranti

Mentre Olanda, Francia, Austria, Slovacchia, Finlandia, Ungheria e la stessa Germania ergono dei veri e propri muri e “sgambetti” nei confronti degli stranieri migranti; ecco che giunge puntuale come sempre l’idiozia preponderante della politica italiana.

“E’ un dovere accoglierli anche perché portano giovamento al nostro Paese,  lasciarli al loro destino significa disperdere questi talenti”.. Così Laura Boldrini a manifestato la sua “valorizzazione” nei confronti dei clandestini.. ops, migranti clandestini, ops, migranti.. ops, profughi!

Cari lettori, per la Boldrini, 1 vale un milione e per tanto, prendendo l’esempio di un rifugiato afghano diventato mediatore culturale in Italia, la presidente della Camera, durante la trasmissione odierna a “1 Mattina” in onda su Rai1, approfitta per riecheggiare le sue analisi virali, ed esterna: “Bisogna investire nell’integrazione dei rifugiati, ce lo chiede anche l’Europa. Non possiamo salvarli dalle acque, ed essere carenti nella loro integrazione. Se li integrassimo – continua la Presidente – ne trarremmo giovamento, lasciarli al loro destino invece significa disperdere questi talenti”.

Ma il monologo non termina ancora e attacca anche l’Ungheria che ha eretto un muro contro la clandestinità, dicendo “I Paesi dell’Europa dell’Est hanno fatto di tutto per essere membri dell’Unione europea, che li ha inglobati in questa grande famiglia. A volte dimostrano di avere la memoria corta, specialmente l’Ungheria. Devo ricordare che nel ’56 più di 250mila ungheresi fuggirono cercando asilo in altri Paesi e oggi purtroppo invece, sembra che tutto ciò sia stato facilmente dimenticato”.

Probabilmente amici, alla Boldrini la storia non è stata insegnata correttamente, come purtroppo è avvenuto per molti anni, dove i maestri e professori entravano nelle aule scolastiche con l’Unità sotto il braccio. Oppure, ha smarrito il ricordo di quando proprio la sinistra italiana  sputava sui profughi istriani e l’ex Pc, oggi rinominato Pd, non volle neppure sentire nominare la parola “accoglienza” e non per gli stranieri, ma per gli italiani di Pola e Fiume. Nei loro confronti, solo odio e disprezzo. Loro, nonostante fossero italiani, non meritavano alcuna solidarietà, ne meritavano di essere sfamati. Insomma, un po’ quello che sta accadendo oggi con gli italiani dell’Italia!

Quindi, tornando alle ormai note rappresaglie boldriniane, nessun commento amici lettori sui reati di violenza privata, furti, rapine, stupri etc.. commessi sul Territorio Nazionale dai clandestini, senza tralasciare il forte rischio del terrorismo islamico. Nessun commento sui tanti, troppi suicidi per colpa di una crisi provocata e continuata da uno Stato assente per gli italiani, anzi: ribadisce e mantiene la sua unica linea unidirezionale,  ovvero un’accoglienza incondizionata dei “profughi” e una politica più attenta ai bisogni e al sociale (sempre riferito all’immigrazione). Ma aggiunge anche e con timore: i leader europei devono spingere verso una Europa che sia più coesa, altrimenti si corre il rischio che si disgreghi e che vincano quelle forze che vogliono la disgregazione“.

Mi chiedo, per quanto ancora farà da richiamo per gli “uccelli” migratori. E quanto tempo ancora dovrà passare, per denunciare da parte di molti politicanti il fatto reato di favoreggiamento all’immigrazione clandestina.

Roberto Turi su Facebook | @robylfalco su twitter |

* News dal web | The Nest | 14 Settembre 2015 | * l’immagine di copertina a mero titolo esplicativo è tratta dal web e non risulta soggetta a copyright © | * Se immagini o nomi inseriti nell’articolo violano la privacy, contattare il titolare del Blog | Qui |

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

About Roby

The Nest - Divulga notizie reali di cronaca, politica, economia, società, curiosità ecc. La veridicità delle notizie, prima della redazione viene verificata attraverso vari siti di informazione. Qualsiasi violazione il lettore dovesse riscontrare, è pregato di avvisare il relatore tramite mail, che immediatamente provvederà a porre i necessari rimedi. Non è una testata giornalistica. Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. - Copyright © 2013 The Nest - By Roby - All Rights Reserved.